Capitolo 1


Quell’andare che è possibile percorrere, è sbilenco come le ali degli uccelli che vanno sul panno.

La bocca che ha potere sulla bocca, è sghemba come le ali degli uccelli che pigolano sul panno.

Il fuoco che viene dalla bocca, è la madre delle cose grandi e della terra.

La luna che si scopre nella bocca, è una madre che allatta vitelli come diecimila fili d’erba.

Battendo quindi il panno, il fuoco che consuma la mancanza fa vedere all’uomo il mistero della donna, e il panno della luna usa la mancanza per svelare la torre da dove si ispezionano le frontiere.

Due simili posti accanto entrano dunque e si fermano, e come da una scatola emergono dalla vecchia bocca, ma hanno campi meravigliosi e stranieri.

Riuniti in armonia, la bocca li chiama il Profondo, la mano destra aperta li chiama il Profondo del Profondo, l’occhio che tutto osserva li chiama la Porta della Donna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.